IN PROGRESS

LE ATTIVITA' DI ALTA SCUOLA                                                                                                       

 

PRESENTE E FUTURO

 

IL CICLO DI CONFERENZE 2012:

 

Un evento a Ferrara Fiere il 21 settembre in occasione di REMTECH expo ( convegno internazionale sul "Contratto di Fiume") e 6 congressi scientifici in occasione del SAIE di Bologna dal 18 al  20 ottobre 2012.

 

ALTRE ATTIVITA'

 

PER LA REGIONE UMBRIA:

 

"Indirizzo e coordinamento, sostegno, formazione dei tecnici comunali e redazione delle relazioni di validazione dei risultati conseguiti” sulle attività condotte dai comuni inerenti "indagini, studi ed accertamenti, definizione di interventi per la stabilizzazione di aree campione interessate da movimenti gravitativi che possono determinare situazioni di rischio idrogeologico nel territorio della regione Umbria” (2012-2013);

 

Coordinamento delle attività del progetto di Protezione e Riqualificazione delle pendici del Colle di Todi: proposta operativa (2013);

 

Coordinamento, gestione Straordinaria delle reti di monitoraggio a Orvieto e Todi,  ottimizzazione e pianificazione delle attività ordinarie di gestione a cura dei due Comuni con la sorveglianza di Alta Scuola (2013-2014).

 

Cura e stampa del libro sul "Consolidamento della Rupe di orvieto e del Colle di Todi" (2012).

 

Allestimento e conduzione, in partenariato con la Scuola Umbra di Amministrazione Pubblica di PILA,  di un corso di formazione per pubblici dipendenti e liberi professionisti sulla “Progettazione e gestione della manutenzione delle opere e degli impianti di Ingegneria, di Architettura e del Territorio". Il corso si prevede che inizierà a Febbraio-Marzo 2013.

 

LA RIVISTA DI ALTA SCUOLA

 

Il Giornale della manutenzione, Journal of maintenance, Journal de maintenance, è la rivista periodica di "Alta Scuola" che uscirà a partire dal 2013, sul sito <www.altascuola.org>. Avrà cadenza quadrimestrale, in lingua italiana,inglese e francese e ospiterà recensioni, articoli scientifici, resoconti di eventi, sintesi di progetti, esempi di interventi di manutenzione e quant'altro connesso alla mission di Alta Scuola definita nello Statuto.

 

PASSATO

 

Dalla sua costituzione al 2003 Alta Scuola ha svolto nel corso degli anni numerose attività sia scientifiche che didattiche tra le quali meritano particolare menzione:

MASTER

Sono state le prime attività culturali e didattiche avviate dall’Alta Scuola e realizzate nelle due sedi didattiche di Orvieto e Todi.

Gli obbiettivi

La varietà ed il carattere multidisciplinare dei problemi e delle condizioni al contorno da considerare per intervenire sia a livello progettuale sia a livello gestionale su situazioni ambientali complesse, richiedono tecnici di alto livello e con formazione multidisciplinare integrata, non adeguatamente riconoscibile nelle singole e specifiche professionalità derivanti dagli attuali studi universitari. Il Master ha risposto  a questa esigenza di formazione professionale ampliando, specializzando e correlando le conoscenze di laureati in discipline diverse ma contigue, contribuendo alla formazione di tecnici altamente qualificati per la progettazione, la realizzazione e la gestione degli interventi di stabilizzazione, conservazione e manutenzione dei centri urbani, in particolare quelli di interesse storico ed artistico, soggetti al rischio del degrado e dissesto a causa di fenomeni di instabilità del territorio.

Le caratteristiche

Corso Post-Universitario di Alta Specializzazione, finanziato dalla Regione dell’Umbria con Fondi europei, di tipo intensivo, residenziale e gratuito, con rilascio al termine del corso di attestato di specializzazione legalmente riconosciuto ai sensi della Legge 845/78.

I requisiti richiesti per la partecipazione erano: laurea in Architettura, o Urbanistica, o Ingegneria del Settore Civile, o Ingegneria del Territorio e dell’Ambiente, o in Scienze Geologiche, o Scienze Agrarie.

Il programma didattico

La struttura didattica del Master  si è articolata su due semestri. Il primo semestre  dedicato al completamento ed all’omogeneizzazione delle conoscenze di base e specialistiche, con un’offerta didattica selettiva dei principi delle diverse discipline. Il secondo semestre caratterizzato dalla diversificazione dei contenuti didattici delle diverse discipline dando luogo a due indirizzi: progettuale e gestionale; le attività didattiche si sono articolate, pertanto, in un Laboratorio di progettazione integrata per il primo indirizzo ed in un Laboratorio di pianificazione, organizzazione e gestione degli interventi per il secondo indirizzo.

Il corpo docente

Oltre 70 docenti provenienti da varie Università italiane, da Enti, da  Società e dalla libera professione hanno tenuto le lezioni del Master ed assistito gli allievi nelle attività dei “Laboratori”.

Primo Master (2000-2001) : posti  22 con  63 richieste.

Secondo Master(2002-2003) : posti 16 con 54 richieste.

CONVEGNI E CONFERENZE

Nell’ambito delle attività scientifiche promosse da Alta Scuola si ricordano due eventi:

Orvieto nel 2001:

4^ Workshop Internazionale Informale sui Movimenti Franosi Lenti dedicato al Tema: Interazione fra Movimenti Franosi e Opere d’Ingegneria" organizzato in collaborazione con il “Club des Lents”; Club nato nel 1995, per iniziativa di un gruppo di ricercatori provenienti da una quindicina di paesi di tutto il mondo e interessati allo sviluppo delle conoscenze nello specifico settore di movimenti franosi lenti di versante.

Perugia, nel  2008

Geosynthetics for soil reinforcement

Con relazione ad invito (Keynote Lecture) del Prof. Junichi Koseki, University of Tokio. La conferenza, a pagamento, ha avuto un notevole successo di partecipanti (circa 130 presenze) e di interesse tecnico scientifico sia per la presenza di relatori di rinomanza nazionale ed estera che per il contenuto delle relazioni svolte.

IL CICLO DI CONFERENZE 2010

Manutenzione e Conservazione dei Centri Storici in Territori Instabili

Orvieto, maggio 2010

Il Monitoraggio come strumento di studio dei fenomeni di dissesto

L’evento ha raccolto notevole favore su tutto il territorio nazionale. La manifestazione si è chiusa con più di 350 adesioni ed oltre 250 iscritti. Notevole riscontro ha avuto anche la visita tecnica con un’adesione di oltre il 50% degli iscritti: le sfavorevoli condizioni meteorologiche hanno poi ridotto i partecipanti a circa 50 persone.

Todi, giugno 2010

Strumenti GIS per la gestione del territorio

L’evento, considerato il tema trattato, ha riscosso un grande successo di partecipanti (180 presenze) provenienti da varie regioni e da vari Enti, sia pubblici che privati.

Spoleto, settembre 2010

Salvaguardia e conservazione dei beni architettonici

Anche questa conferenza, la cui partecipazione, come anche per le altre, non prevedeva quote di iscrizioni, ha riscosso una notevole partecipazione (circa 150 presenze) in rappresentanza sia del mondo istituzionale, accademico, professionale che  imprenditoriale.

SERVIZI E CONSULENZE

Per la  Comunità Montata Mante Subasio

Torgiovannetto:studio del fenomeno franoso in essere in località Torgiovannetto di Assisi (PG) ed individuazione degli interventi volti alla riduzione del rischio idrogeologico. Progetto delle opere provvisionali per la messa in sicurezza della Strada Regionale Assisi – Gualdo Tadino (2005-2006).

Per la  Regione Umbria

Progetto Comunitario Interreg III C – Pagus (Programma d’Assistenza e Gestione Urbana Sostenibile) che ha visto coinvolte, in partenariato, l’Umbria come Regione capofila, Galizia e Andalusia (Spagna), Amave (Portogallo), Tracia eMacedonia dell'Est (Grecia) e ministero delle Infrastrutture di Malta (2005-2006).

Progetto Si.Re.Co.S. per un sistema regionale di coordinamento e di sorveglianza degli Osservatori di Monitoraggio e Manutenzione nei centri storici con territori instabili.(2008).

Progetto delle attività di ispezione, studio e interventi di consolidamento urgenti propedeutici al consolidamento definitivo delle cavità ipogee della Rupe di Orvieto.(2010)

Per il Comune di Orvieto

Sossogna:Studio dei fenomeni di crollo da rupe tufacea e scivolamento traslativo di stabilità Crolli da rupe tufacea e scivolamento traslativo dei versanti con indicazione delle linne guida degli interventi. (2007-2008 )

Per il Comune di Spoleto

Montemartano: Studio del movimento franoso interessante l'area posta a Sud del nucleo storico dell'abitato di Montemartano, frazione di Spoleto (Pg). Risultati degli studi e delle analisi svolte e indicazione sull’affidabilità del quadro conoscitivo esistente. Proposte di interventi di consolidamento di alcune aree a sud dell’abitato del Paese Affidamento delle indagini geognostiche integrative per gli ulteriori accertamenti lettura della strumentazione di nuova istallazione. (2007-2008).

Spoleto: Studio delle condizioni di stabilità della zona del Campo Sportivo di Spoleto (PG). Analisi dei dati disponibili e proposta di integrazione delle indagini. Affidamento dell’incarico delle indagini geognostiche integrative e relative letture inclinometriche nell’area in frana dello stadio comunale di Spoleto. Condizioni di stabilità dei versanti e proposta di perimetrazione dell’area instabile del Campo Sportivo di Spoleto.(2007-2009)

 

 

ghfghfgfgh hfg hfg fgh fhg